Blog


Pasticciamo???

Pasticciamo?

bambini-impastare-e1430909433850

Per alcuni bambini la sensazione dell’avere “le mani in pasta” è particolarmente gradevole e spesso ricercata… E non si tratta semplicemente di un tentativo, a volte un po’ goffo, di voler creare qualcosa “facendo un po’ di pastrocchi” . Invece, rappresenta spesso un modo per produrre e continuare esperienze di apprendimento e di crescita.

Pensiamo, ad esempio, alla plastilina.  Attraverso il movimento della pasta nelle mani c’è la possibilità di dar sfogo alle frustrazioni, alla rabbia; è come fare esperienza di una modulazione del proprio mondo emotivo attraverso il contatto con questo materiale malleabile. All’inizio può accadere che “non si sappia che fare” ma dopo aver reso “più morbida” la pasta, magari anche con l’aiuto delle “formine”, la maggior parte dei bambini crea dei veri e propri “disegni di pongo”, dando così una forma simbolica alle proprie fantasie, desideri, esperienze, creatività.

Possiamo pensare che ogni bambino possieda un “canale privilegiato” attraverso il quale può esprimere sé stesso e le proprie competenze: chi lo fa attraverso la musica o la danza, chi attraverso il disegno e chi modulando e dando forma a materiali ed ingredienti… E a tal proposito come non parlare dell’importanza, per alcuni bambini, di poter cucinare e, dulcis in fundo, impastare? I piatti più gettonati sono i dolci perché il fare un dolce è un po’ come fare una piccola magia. Tutti gli ingredienti separati si uniscono, si gonfiano, e si trasformano in una meravigliosa torta soffice e gustosa!

biscotti-bambiniAnche i biscotti o le pizzette possono essere di grande utilità e ispirazione: per i bambini il chiedere di poter tagliare la pasta in tutte le forme più fantasiose favorisce la possibilità di creare dei veri e propri personaggi (e perché no magari anche delle storie): i wurstel diventano gli occhi, i carciofini le orecchie, il naso un pomodoro è così via…

I bambini, svolgendo queste attività sperimentano l’arte del creare e plasmare con le proprie mani attraverso, comunque, la sicurezza dell’essere guidati e contenuti da mani esperte, quelle di mamma e papà. Il cibo, in questo senso, va ad inserirsi in un’esperienza ampia ed articolata, dove è possibile che metta in moto emozioni e pensieri, fantasie e memorie, oltre che processi legati alle aree percettivo-motorie, cognitive, sociali.

Eleonora Boni

Comments ( 0 )

    Leave A Comment

    Your email address will not be published. Required fields are marked *